IL CENTRO

Qualità

La struttura si è dotata di un manuale di autocontrollo redatto ai sensi del punto 6 dell’Atto d’Intesa della conferenza Stato-Regioni n. 1605 del 16.01.2003 relativo agli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine ad uso natatorio.
Il protocollo di gestione ed autocontrollo analizza i potenziali pericoli igienico-sanitari della piscina ed individua i punti e le fasi in cui possono verificarsi tali pericoli oltre che definire le relative misure preventive da adottare. Definisce i sistemi di monitoraggio ed individuare le azioni correttive.
E’ sottoposto a verifica e riesame periodico, anche in relazione al variare delle condizioni iniziali, alle analisi dei rischi, dei punti critici e delle procedure in materia di controllo e sorveglianza.
Le acque utilizzate per l'alimentazione delle piscine devono possedere i requisiti di potabilità ad eccezione della temperatura.
Mensilmente vengono eseguiti dei campionamenti dell’acqua delle vasche da un laboratorio esterno certificato. L’acqua viene analizzata secondo i parametri di legge sia per quanto riguarda i valori chimici, sia per quelli microbiologici.
Le pulizie degli impianti sportivi e degli ambienti collegati (corridoi, hall, servizi igienici, spogliatoi, uffici, bar ecc.) sono affidati ad una impresa specializzata che utilizza dei prodotti, delle procedure e una tempistica volta al mantenimento di un buon grado di igiene e sanificazione; le procedure di pulizia prevedono diversi ripassi nell’arco della giornata.
Gli assistenti ai bagnanti impegnati nel servizio di salvataggio sono opportunamente formati per intervenire in caso di necessità e sono tutti abilitati nell’utilizzo del defibrillatore di cui la struttura è provvista.